Prima consulenza gratuita           lun-ven  /  08.30-18.30

Il Decreto Liquidità (Decreto Legge n. 23 dell’ 8 aprile 2020) introduce significative novità per le misure a sostegno delle imprese, potenziando quelle in precedenza assunte col “Decreto Cura Italia”. Ecco il nostro schema sintetico in 7 punti per comprendere il decreto:

1. Rinvio al 30 giugno dei versamenti IVA, ritenute e contributi previsti in scadenza ad aprile e maggio per:

  • Soggetti con calo di fatturato di almeno il 33% (rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) per ricavi/compensi sotto i 50 milioni di euro;
  • Soggetti con calo di fatturato di almeno il 50% (rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) per ricavi/compensi sopra i 50 milioni di euro;
  • Per i residenti delle 5 province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Piacenza, la sospensione del versamento IVA spetta in presenza del calo del fatturato di almeno il 33%, a prescindere dalla soglia di fatturato dei 50 milioni di euro.

2. Sostegno alla liquidità a tutti i soggetti a prescindere dalla dimensione, e in particolare:

  • Facilitazione di accesso al credito mediante sostegno del Fondo Centrale di Garanzia come segue:
    a. professionisti e microimprese: procedura automatica per i prestiti fino a 25.000 euro, garantiti al 100% dallo Stato
    b. piccole e medie imprese con ricavi inferiori a 3,2 milioni euro: garanzia statale pari al 90% + eventuale 10% Confidi a richiesta, per i finanziamenti fino al 25% del fatturato
    c. per le imprese fino a 499 dipendenti: garanzia dello Stato fino al 90% per finanziamenti fino ad un massimo di 5 milioni di euro
  • In alternativa, e non solo per le grandi imprese, è prevista la concessione di garanzie fino al 90% rilasciate dalla S.A.C.E. in relazione a finanziamenti erogati da istituti di credito fino a 6 anni, con la possibilità per le imprese di avvalersi di un preammortamento di durata fino a 24 mesi e/o per il rilascio di garanzie o finanziamenti per facilitare l’export.

 

3. Moratorie P.M.I.

Sospensione fino al 30 settembre 2020, per le piccole e medie imprese, delle posizioni debitorie nei confronti di istituti di credito ed altri intermediari, compresi i pagamenti delle rate dei mutui (sia quota capitale sia quota interessi) e dei canoni di leasing.

 

4. Credito d’imposta del 50% per le spese di sanificazione ed acquisto di dispositivi di protezione

A sostegno delle aziende e liberi professionisti che fanno la dovuta disinfezione dei luoghi di lavoro è disposto un credito d’imposta del 50%, fino a 20.000 € per azienda, delle spese sostenute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti, degli strumenti di lavoro e dei dispositivi di protezione.

 

5. Sospensione norme sulla perdita del capitale

L’attuale testo del Decreto Liquidità dispone, in presenza di perdite di capitale dovute all’attuale situazione di emergenza, la disapplicazione fino al 31 dicembre 2020 delle norme del Codice civile in caso di riduzione del capitale per perdite e abbassamento del capitale sociale al di sotto del limite legale.

 

6. Nuovo Codice della Crisi d’impresa – Rinvio di un anno

L’attuale testo del Decreto Liquidità dispone il rinvio al 1° settembre 2021 dell’entrata in vigore del Codice della Crisi d’impresa.

 

7. Estensione del Golden Power

Estesa per un anno la facoltà del Governo di intervenire per proteggere, contro eventuali acquisizioni da parte di imprese straniere, le aziende italiane di alcuni settori considerati strategici.

 

PDF: Scarica il Decreto Liquidità

Per maggiori informazioni: chiama il nostro numero verde 800 94 24 24