Efficientamento energetico per le aziende

Il 2020 ha segnato un importante traguardo per gli incentivi nel campo delle energie rinnovabili. Grazie a queste agevolazioni, le imprese possono implementare nuove strategie per migliorare l’efficientamento energetico. Di conseguenza, è possibile abbattere i costi derivanti dal consumo di energia e migliorare i processi produttivi.

Il nostro team vanta una conoscenza approfondita delle principali soluzioni per incrementare l’efficientamento energetico delle aziende. Gruppo Finservice ti offre un servizio di consulenza che ti permetterà di sfruttare al meglio gli incentivi esistenti e perseguire una strategia energetica più efficace.

cos è la finanza agevolata

Cos’è l’efficienza energetica?

Il termine efficienza energetica si riferisce alla capacità di un sistema di sfruttare al meglio le risorse energetiche per completare una certa azione. Questi sistemi possono riferirsi a industria, trasporti, agricoltura, infrastrutture, o qualsiasi altro settore.

Un sistema raggiunge lo stato ottimale quando utilizza l’energia necessaria per ottenere un risultato senza sprechi. Quindi, incrementare l’efficienza energetica significa ottenere lo stesso risultato consumando meno energia.

Per raggiungere un livello ottimale di efficientamento energetico, e potenzialmente di risparmio economico, è necessario adottare dei sistemi specifici.

Non a caso, il concetto di efficienza energetica si lega specialmente all’utilizzo di energie rinnovabili. Oltre a favorire un minore inquinamento, queste determinano un aumento esponenziale del risparmio energetico.

Dunque, grazie all’utilizzo ottimale dell’energia da parte del sistema, è possibile sia evitare lo spreco di risorse, che avere un ritorno economico favorevole.

Efficientamento energtico per aziende

Efficientamento energetico per le aziende

A gennaio 2020, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha pubblicato il testo definitivo del Piano Nazionale Integrato per Energia e Clima (PNIEC). Si tratta di un importante strumento che contiene le linee guida per la nuova politica ambientale italiana.

Nello specifico, per stimolare l’efficienza energetica del paese, il PNIEC offre incentivi riguardanti diversi campi d’azione. Gruppo Finservice può aiutarti ad individuare gli strumenti più adatti agli obiettivi di efficientamento energetico della tua azienda.

Offriamo di seguito una lettura semplificata di alcune delle agevolazioni più interessanti.

BeneficiariBeneficiari e soggetti esclusi della patrimonializzazione

La patrimonializzazione si rivolte alle piccole e medie imprese e mid cap (imprese fino a 1.500 dipendenti) con le seguenti caratteristiche:

  • che siano costituite in forma di società di capitali;
  • che abbiano realizzato nel biennio precedente (ultimi due bilanci depositati) a quello di presentazione della domanda un fatturato estero pari, in media, ad almeno il 20% del fatturato aziendale;
  • in alternativa, nell’anno precedente (ultimo bilancio depositato) è sufficiente un fatturato estero pari ad almeno il 35% del fatturato aziendale.

Ai fini dell’accesso al beneficio, le aziende devono aver approvato e depositato almeno due bilanci.

Sono ammesse le imprese di qualunque settore ad eccezione dei seguenti:

  • agricoltura, silvicoltura e pesca;
  • aziende con codici Ateco 10.11 e 10.12 (Produzione di carne di volatili e non e dei prodotti della macellazione).

Tali attività non devono essere svolte nemmeno in via secondaria.

Non sono ammesse le PMI e mid cap con rapporto tra il patrimonio netto e le attività immobilizzate nette (risultante dall’ultimo bilancio approvato) superiore a:

  • 2,00 se industriali/manifatturiere;
  • 4,00 se commerciali/di servizi.

Sono escluse le aziende che non hanno ancora terminato di rimborsare un eventuale finanziamento ottenuto in precedenza per la patrimonializzazione delle imprese esportatrici.

Lista criteriNatura dell’agevolazione e criteri di ammissibilità

L’obiettivo principale della patrimonializzazione è quello di stimolare il miglioramento del livello di solidità patrimoniale delle imprese.

Il calcolo del beneficio viene fatto sul 40% del patrimonio netto dell’impresa risultante dall’ultimo bilancio depositato, che in ogni caso non può essere superiore al 35% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci depositati dall’impresa. Inoltre, tale valore non può superare l’importo massimo di 800.000 € per impresa.

Allo stesso modo, la patrimonializzazione è riconosciuta in due parti:

  1. come un contributo a fondo perduto;
  2. sulla restante parte, un finanziamento a 6 anni, di cui 2 di preammortamento, che sarà erogato dall’ente gestore al tasso agevolato circa pari allo 0,055%.

Nel corso del periodo di preammortamento, il tasso applicato è quello di riferimento UE, in questo momento pari allo 0,55%. Il tasso in cui il finanziamento dovrà essere rimborsato sarà agevolato se:

  • al termine della fase di preammortamento, l’ente gestore effettua la verifica in merito al rapporto tra il patrimonio netto e le attività immobilizzate nette rispetto a quello vigente alla data di presentazione della domanda;
  • in particolare, per le imprese che al termine della fase di preammortamento non abbiano raggiunto il livello di soglia oppure, avendo alla data di presentazione della domanda un livello soglia superiore, non l’hanno mantenuto o migliorato, il finanziamento sarà rimborsato al tasso di riferimento UE vigente alla data di ammissione all’agevolazione;
  • il livello di soglia da considerare è pari al 0,65 per le imprese industriali o manifatturiere e 1,00 per le imprese commerciali/di servizi.

Inoltre, al termine della fase di preammortamento, anche il mancato mantenimento dell’incidenza del fatturato export rispetto a quella vigente l’anno precedente alla data di presentazione della domanda comporterà la restituzione del finanziamento al tasso di riferimento.

fattibilità e condizioni Condizioni del finanziamento e presentazione domanda patrimonializzazione

Gruppo Finservice è un valido alleato che ti assisterà nel presentare la tua domanda in modo corretto e tempestivo. Grazie alla nostra esperienza ventennale, ti aiuteremo ad individuare le agevolazioni più adatte alla tua attività.

Per presentare la richiesta di finanziamento SIMEST, l’impresa dovrà farlo attraverso una procedura informatica sul nuovo Portale dei Finanziamenti.

L’istruttoria valuterà la consistenza patrimoniale, finanziaria ed organizzativa dell’impresa, oltre la congruenza del finanziamento con il patrimonio netto dell’impresa.

Successivamente, il Comitato Agevolazioni di SIMEST decreterà l’esito della domanda entro 3 mesi.

bandi a fondo perduto_finanza agevolataFondo nazionale per l’efficienza energetica

Questi fondi sostengono tutti gli interventi necessari al raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica. Il fondo incentiva le imprese private e le Pubbliche Amministrazioni ad intervenire su immobili, impianti, e processi produttivi.

Ecobonus e Suerbonus 110Ecobonus e superbonus 110%

L’ecobonus e il superbonus 110% rispondono alle importanti sfide climatiche ed ambientali previste per gli obiettivi 2030.

Inoltre, il bonus efficientamento energetico vuole rilanciare interventi nel settore dell’edilizia e favorire l’installazione di impianti fotovoltaici in edifici pubblici e privati.

Il beneficiario della detrazione potrà scegliere di:

  • pagare l’intero importo dei lavori e ricevere in 5 anni il 110% degli importi ammissibili;
  • ricevere uno sconto in fattura del 110% dell’importo dei lavori che ha sostenuto. In questo caso, il soggetto che realizza i lavori beneficerà della detrazione in 5 anni;
  • cedere il credito ad un soggetto terzo, come un istituto finanziario o assicurativo.

Il team di esperti di Gruppo Finservice permette alla tua impresa di accedere agli strumenti necessari all’efficientamento energetico della tua azienda. Grazie all’analisi approfondita dei livelli di consumo energetico, sarà più facile individuare gli interventi ammissibili dagli incentivi.

analisi e misurazione efficienza energeticaimprese

 

L’analisi a 360° di Energy Save by Gruppo Finservice

Per la misurazione del livello di efficienza energetica della tua impresa, gruppo Finservice ha ideato la piattaforma Energy Save. Si tratta di un servizio di valutazione a 360° che garantisce il monitoraggio in tempo reale dell’energia e della potenza impiegate.

La registrazione al nostro portale permette di valutare quanta energia impiega la tua azienda per le attività produttive e quanta ne consuma al di fuori dell’orario di lavoro.

 

Perché affidare l’analisi di efficientamento energetico a Gruppo Finservice?

L’adesione ad Energy Save garantisce alla tua azienda un monitoraggio costante e preciso dei consumi energetici grazie ad ingegneri E.G.E certificati.

I principali vantaggi di Energy Save:

  1. rappresenta il passo iniziale per le organizzazioni che vogliono certificare il proprio sistema di gestione dell’energia;
  2. permette di valutare il consumo di energia per le attività produttive e al di fuori dell’orario di lavoro;
  3. fornisce un’analisi dei dati di diversi misuratori sul breve e sul lungo periodo;
  4. definisce soglie oltre cui generare alert automatici via e-mail;
  5. mette a disposizione report quadrimestrali per individuare aree di efficientamento energetico dell’azienda.

La diagnosi di Gruppo Finservice fornirà alla tua azienda tutte le informazioni necessarie sui consumi e sugli sprechi energetici. Poi, dati alla mano, potremo programmare un piano d’azione per il miglioramento dell’efficienza energetica e sfruttare le agevolazioni disponibili.

Ecotasse 2021

Le nuove ecotasse Carbon Tax e l’esenzione delle accise sul gasolio

La Legge di Bilancio 2020 ha confermato due nuove misure che permettono alle aziende di trasporti di ottenere un rimborso sulla quantità di gasolio che utilizzano. Il nostro team di esperti valuterà con te i criteri di accesso a questi strumenti.

Carbon tax 2021 trasportiCarbon Tax

Possono richiedere l’agevolazione dell’accisa sul gasolio tutte le aziende di autotrasporti. Attualmente non esistono limitazioni territoriali o per gli enti che effettuano trasporti in conto proprio ed in conto terzi.

Nello specifico, la misura si rivolge a:

  • aziende con veicoli di massa massima pari o superiore a 75 quintali;
  • gli enti pubblici e le imprese che assicurano il trasporto pubblico locale;
  • gli enti pubblici e le imprese che esercitano trasporti a fune di persone in servizio pubblico;
  • aziende che effettuano trasporto di persone per autoservizi di competenza statale, regionale e locale.

Misura dell’agevolazione Carbon Tax

L’agevolazione consiste in una defiscalizzazione del gasolio consumato per l’autotrasporto, che è essenziale comprovare tramite fatture.

L’Agenzia delle Dogane definisce l’entità del rimborso. A questo proposito, per il 2021 questa si conferma a 214,18 euro per mille litri di prodotto (circa 0,21 euro per litro).

Diversamente, non rientrano nell’agevolazione:

  • veicoli di categoria Euro 0, Euro 1 ed Euro 2;
  • veicoli di categoria Euro 3, dal 1° ottobre 2020, e di categoria Euro 4 dal 1° gennaio 2021.

La dichiarazione di accesso alla Carbon Tax deve essere presentata all’Agenzia delle Dogane e permette di recuperare il credito dell’accisa in compensazione F24, oppure a rimborso.

Gruppo Finservice può guidarti attraverso la preparazione della domanda per assicurane la corretta compilazione. Potrai così massimizzare le possibilità di accedere a questa agevolazione.

Esenzione accise gasolio mezzi non targatiEsenzione accise sul gasolio per mezzi non targati

Tutte le imprese che utilizzano mezzi non targati (muletti, escavatori, ruspe e macchine di movimentazione terra) per la loro attività possono accedere all’agevolazione.

La misura interessa particolarmente le seguenti attività:

  • costruzioni di grandi opere;
  • movimenti terra;
  • fonderie;
  • logistica portuale;
  • estrazione mineraria;
  • produzione carpenteria pesante.

L’accisa sul gasolio è un’imposta che contribuisce al 40% del costo del combustibile. Le aziende possono risparmiare sulle accise del gasolio che consumano per la produzione di forza motrice per circa 0,432 euro/litro.

Adempimenti necessari per l’agevolazione

Per determinare l’ammontare dell’agevolazione è necessario calcolare adeguatamente il consumo di gasolio. Perciò, è essenziale collegare gli organi di rotazione dei motori termici al:

  • contatore delle ore di funzionamento del motore;
  • contatore dei giri del motore durante le ore di funzionamento.

Successivamente bisognerà comunicare i risultati dei contatori all’Agenzia delle Dogane. Con l’obiettivo di aiutarti in questi passaggi e minimizzare il rischio di errori, Gruppo Finservice ha messo a punto un’innovativa e semplice tecnologia. Questa tecnologia tiene traccia dei litri di gasolio consumati per la produzione di forza motrice.

La tecnologia Box One di Gruppo Finservice

Box One è un dispositivo elettronico con certificazione CE ed omologazione Sit Accredia. Questo misuratore si installa su ogni mezzo a gasolio sul quale eseguire il recupero, collegandolo o all’albero motore o all’alternatore del mezzo.

Box One riesce a misurare le ore di lavoro della macchina e ne certifica i consumi per l’invio periodico all’Agenzia delle Dogane. Inoltre, il misuratore Box One dialoga costantemente online con il centro di elaborazione dati di Gruppo Finservice.

Così facendo, è possibile produrre in qualunque momento un report dettagliato dei consumi agevolabili. Di conseguenza, sarà semplice ottenere tutta la documentazione necessaria alla concessione ed al mantenimento dell’abbuono.

Strumenti

Gli strumenti di Gruppo Finservice per l’efficientamento energetico

Gruppo Finservice ha sviluppato in house strumenti tecnologici di ultima generazione che permettono le misurazioni dei consumi in tempo reale e l’accesso per le imprese italiane ad una pluralità di incentivi.

Per esempio la tecnologia Energy Save fornisce un cruscotto energetico in tempo reale e permette di misurare gli sprechi. Box One è lo strumento tecnologico che misura in modo dettagliato i consumi e le ore di funzionamento dei mezzi non targati, permettendo l’ottenimento di esenzione di accise per il gasolio consumato.

Grazie alla nostra consulenza, la tua impresa avrà la possibilità di usufruire di nuovi bonus e rinnovarsi nel campo energetico. Potrà così non solo ridurre gli sprechi di energia, ma anche migliorare l’efficienza dei processi produttivi e ottenere un sostanziale risparmio economico.

Contattaci per ricevere maggiori informazioni

A cosa sei interessato?